Vuoi prendere un coniglio? Ecco cosa devi sapere


coniglio-in-casa

IL COMPORTAMENTO

Prima di tutto dobbiamo fargli trovare tutti gli accessori necessari già posizionati, come: La gabbietta e lettiera in un luogo tranquillo.

Quando lo porteremo a casa il nostro coniglio sarà spaventato, quindi diamogli qualche giorno per abituarsi a noi e al nuovo ambiente.

Dobbiamo avere pazienza e chiamarlo con il nome che abbiamo scelto, in breve si abituerà alla nostra voce e al suo nuovo nome. Col passare del tempo lasciamo per qualche ora la gabbietta aperta si abituerà pian piano alla stanza dove lo abbiamo alloggiato e di conseguenza spinto dalla curiosità ispezionerà tutte le stanze di casa. Occhio ai pericoli di casa come i cavi elettrici, i pavimenti lisci, porte che si aprono e chiudono in fretta!!!

 

IL RAPPORTO CON ALTRI ANIMALI

Il coniglio può convivere con altri animali domestici ma dobbiamo fare attenzione poiché non va d’accordo con tutti. Con i cani e i gatti il discorso è un po’ complicato in quanto se si possiede un cane da caccia per quanto ci impegniamo ad educarlo e a farli crescere insieme ci sarà sempre la possibilità che l’istinto cacciatore dell’animale abbia il sopravvento. Stessa cosa per il gatto ancora più difficile da educare per via del carattere “selvatico” che tendenzialmente hanno. Dobbiamo poi fare i conti con l’eventuale gelosia che si potrebbe creare fra animali verso il padrone, che non è un comportamento da sottovalutare. Anche con gli uccelli non va molto d’accordo in quanto il coniglio non ama i rumori forti e acuti, se poi possediamo un pappagallo di medie dimensioni libero per casa questo per gelosia potrebbe arrivare a molestare il coniglio per allontanarlo. Con gli altri animali in genere il coniglio va d’accordo in particolare con cavie, porcellini d’india ecc. C’è anche da dire però che esistono delle eccezioni e a volte fra animali che generalmente non sono in sintonia si crea un bellissimo rapporto di amicizia e fiducia.

 

IL RAPPORTO CON I BAMBINI 

Spesso si acquista o adotta un coniglio per accontentare i bambini, ma dobbiamo assicurarci che non sia solo un capriccio quindi dobbiamo rendere responsabile il bambino nei confronti dell’animale e fargli capire che non è un giocattolo. E’ bene che il bambino sia già in età scolare poiché può capire come maneggiarlo, come accudirlo e come giocare con lui senza fargli o farsi del male. La convivenza con questi piccoli animali domestici in particolare con il coniglietto nano sviluppa nel bambino il rispetto per la vita altrui in modo divertente, in più aiuta molto i bambini con problemi psicologici-comportamentali, non a caso il coniglio nano viene usato proprio per la pet therapy.

CATTIVI ODORI DALLA LETTIERA E DAL PELO DEL CONIGLIO

Anche i conigli purtroppo sono causa di cattivo odore proveniente dal pelo ma sopratutto dalla gabbia e lettiera dove risiedono.

Quello che noi vi consigliamo è di usare un prodotto naturale come Vitanimale che cosparso a terra disgrega i cattivi odori eliminandoli alla fonte, accelerando anche il processo di degradazione degli escrementi, inoltre manterrà la lettiera più asciutta.

Per quanto riguarda il cattivo odore dalla gabbia e dal pelo vi consigliamo di usare un prodotto naturale come Essenza odore animale che col suo profumo al pino/eucalipto copre leggermente il cattivo odore e non appena la profumazione sarà evaporata e sparita la sua miscela enzimatica avrà fatto ora ad agire disgregando i cattivi odori eliminandoli completamente.

 

Essenza odore animale VITANIMALE-350GR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La-lettiera-del-tuo-gatto-puzza--scopri-le-cause-e-la-soluzione-ecologica olfatto cane, fiuto cane, il mondo dei cani, geofactory



TUTTI GLI ANIMALI